‘Tagesmutter Senigallia’, una risorsa innovativa per tutta la comunità


Dalle Istituzioni regionali finalmente qualcosa si muove. L’Assessorato alle Pari Opportunità ha infatti proprio in questi giorni reso disponibili circa un milione di euro per il potenziamento dei servizi per la prima infanzia, tra cui quello delle “Tagesmutter” (Mamme di giorno).

L’Associazione Genitori è da più di un anno che lavora su un progetto da realizzare localmente, in quanto sostiene che la percentuale del 33% di copertura dei servizi per l'infanzia 3-36 mesi a Senigallia, benché rispettabile, non sia nel breve destinata a crescere più di tanto. Pertanto, ci siamo chiesti come sia possibile rispondere alla richiesta di quelle famiglie che per una serie di motivi non riescano ad entrare nelle strutture esistenti e quindi costrette ad ‘arrangiarsi'. La nostra riflessione si è posizionata, quindi, sulla rete parentale e su quella delle conoscenze familiari che spesso sostengono le famiglie quando i servizi non esistono o non sono ancora sufficienti. Una giovane nonna o una zia, un’amica inoccupata che non ha più figli piccoli da accudire, una conoscente che sbarca il lunario facendo la baby-sitter sono alcuni casi da prendere in considerazione per lo sviluppo di una rete di servizi complementari a quelli già esistenti altrettanto qualificata. La nostra ricerca si è focalizzata, quindi, su esperienze straniere (Tagesmutter tedesca) e di alcune italiane come Trento e Roma dove sono state realizzati micro-nidi domiciliari con la presenza di almeno cinque bambini gestiti da una mamma che oltre a guardare il suo bambino si preoccupa di accudire anche di quelli di altre famiglie. Tuttavia, per partire bene bisogna verificare almeno due cose.

La prima è quella di sapere se vi sono alcune mamme che sono interessate ad un’occupazione che concili lavoro e famiglia; la seconda, è quella di verificare se vi sono mamme che, nella ricerca di strutture e personale qualificato, a cui affidare il proprio bambino, cerchino altre mamme preparate a gestire anche altri bambini in un ambiente domestico, in sostituzione e/o in aggiunta ai servizi attualmente erogati dalle strutture pubblico/private. E questo sarà il lavoro dei prossimi mesi, perché solo con l’ausilio di due questionari, uno rivolto alla potenziale utenza e l’altro indirizzato a quelle mamme realmente interessate a formarsi ed effettuare un servizio di forte utilità sociale, potremo sapere se questo servizio sarà realmente richiesto ed offerto. Il risultato di questa indagine conoscitiva sarà riportato nel corso del primo Seminario sull’argomento che avverrà a meta settembre, in seguito al quale, e ce lo auguriamo, faremo partire la prima formazione per Tagesmutter a Senigallia con l’inaugurazione dei primi nuclei di “Mamme di giorno” per la fine dell’anno. Per avere più informazioni sulle Tagesmutter o su quanto si va realizzando a Senigallia scrivere all’indirizzo agesenigallia@gmail.com .

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...